MISSION

La nostra iniziativa, che nasce da una idea di alcuni liberi professionisti trae lo spunto dai gravi fatti di cronaca degli ultimi tempi che hanno visto verificarsi tragedie cui, da adesso in poi, non sarà più possibile assistere in maniera indifferente.

Adesso, proprio per evitare che in futuro possano accadere simili drammi, è nata la San Francesco S.p.A.

Si tratta di una società immobiliare che sarà costituita, non appena raccoglieremo il capitale sociale, solo con lo scopo di acquistare all’incanto tutti gli immobili di coloro i quali subiscono una esecuzione immobiliare e non sono in grado di concorrere, attraverso propri familiari o amici, all’acquisto degli stessi.

Sappiamo quanto importante sia per ogni persona l’acquisto della propria abitazione e i sacrifici connessi al pagamento ed al mantenimento della stessa e come traumatico sia, di converso, il perderla improvvisamente con tutto il carico di ricordi, sensazioni ed emozioni.

Lo scopo principale della società è quello di acquistare alle aste in tutta Italia, a prezzo basso gli immobili posti in vendita e concederli in locazione agli stessi debitori esecutati ad un prezzo modico.

In ogni caso il prezzo della locazione non potrà mai superare il 10 % annuo del prezzo di acquisto all’asta.

Detta percentuale potrà diminuire in relazione all’entità dell’investimento iniziale in modo da non appesantire il locatore con un affitto oneroso. La durata della locazione non potrà mai essere inferiore a 4 anni. Potrà essere rinnovabile.

Pertanto, per esempio, se una casa venisse acquistata dalla società per la somma di €. 30.000,00 tasse incluse, il canone annuo, sarebbe di €. 3.000,00 cioè ad €. 250,00 mensili e così via.

La percentuale così determinata, da un lato, consentirebbe agli ex proprietari di non essere sfrattati e potrebbe concedere loro respiro per l’eventuale futuro acquisto; mentre, dall’altro lato, consente agli investitori soci della S.p.A. di poter avere un reddito sulle somme investite nell’acquisto delle azioni e/o delle obbligazioni della società.

La locazione seguirà le norme dettate dal C.C. e dalle leggi susseguitesi nel tempo per regolare la materia degli affitti.

Alla fine della locazione o anche prima in qualsiasi momento sarà consentito al vecchio proprietario (personalmente o tramite terzi) di poter riacquistare la casa ad un prezzo pari alla somma occorsa per l’acquisto oltre le spese di legge, incrementata di un importo, minimo, pari al 5% annuo.   

Così, per restare nell’ambito dell’esempio precedente, per una casa acquistata per la somma di €. 30.000,00 (tasse incluse) si dovrà considerare un aumento di €. 1.500,00 annui. La casa potrà essere posta in vendita, così, per una somma pari al prezzo iniziale oltre detta percentuale per ogni anno, ma solo in favore del vecchio proprietario in quel momento locatore o di persona da lui designata.

Alla fine del periodo di locazione nell’eventualità che il locatore, vecchio proprietario, non fosse interessato all’acquisto o al rinnovo della locazione o  avesse rilasciato per qualsiasi motivo lo stesso libero, la società potrà porlo in vendita ad un prezzo di mercato e quindi fuori dai limiti di cui sopra. La società sarà anche libera di concederlo ancora in locazione, ma anche in questo caso non sarà vincolata dalle disposizioni sopra esposte e potrà destinarlo ad un prezzo libero di mercato.

Al fine di evitare speculazioni o atti che possano determinare turbativa d’asta, per statuto la società potrà concorrere ai pubblici incanti solo dopo la terza asta pubblica ma non potrà operare più di tre rilanci ai fini dell’aggiudicazione, se concorre con altri partecipanti.

Non occorre tralasciare che si tratta pur sempre di una società immobiliare che deve dare utili ai suoi investitori, sia soci che obbligazionisti.

 Pertanto lo statuto della stessa autorizza gli amministratori espressamente ad effettuare acquisti anche di  immobili al di fuori delle aste pubbliche, ma solo a condizione che il prezzo sia inferiore di almeno il 50% al loro reale valore di mercato. Detto valore lo si ricaverà, per gli immobili all’asta, dalla perizia effettuata dall’esperto (C.T.U.) nominato dal Giudice ed agli atti di causa, visionabile nei bandi di gara; mentre per altre tipologie di immobili, da una perizia effettuata da uno o più tecnici di fiducia della S. Francesco S.p.A. cui la stessa darà incarico di volta in volta.

La società si riserva la possibilità di emettere obbligazioni ai sensi dell’art. 2410 c.c. che potranno garantire un utile agli investitori alla fine di ogni anno.


Lo scopo ed il programma  della società  è  pertanto questo:


In relazione ai debitori esecutati:

- Avere la concreta possibilità di non essere spodestati del proprio appartamento da un momento all’altro, evitando così uno sbandamento fisico e psichico non indifferente;

- Potere continuare ad abitare lo stesso ad un canone politico per ulteriori 4 anni;

- Avere la possibilità di potere riacquistare il proprio immobile ad un prezzo di molto inferiore a quello di mercato quando lo desideri;

- Raggiungere quella tranquillità psicologica e fisica che gli consenta di non pensare alla casa come unico e solo insormontabile problema e potersi dedicare al lavoro serenamente nella certezza che la stessa non gli sarà più sottratta.


In relazione agli azionisti, soci ed obbligazionisti della S.p.A. :


- Avere la possibilità di effettuare investimenti anche minimi di danaro (ogni azione avrà il valore di €. 500,00) ed essere sicuri di vedere incrementato il capitale di anno in anno al riparo della svalutazione monetaria e dei capricci del mercato, fondandosi essenzialmente ed esclusivamente su immobili che si rivalutano sempre costantemente;

- Investire il danaro in una cassaforte che ogni giorno di più potrebbe arricchirsi ed implementarsi in maniera esponenziale, in quanto il danaro viene impiegato solo per l’acquisto di immobili e null’altro;

- Occorre considerare che in ogni caso, per statuto, la S.p.A. potrà acquistare immobili sottoposti ad esecuzione forzata quindi ad un prezzo inferiore di almeno il 50 % del valore di mercato;

- Detti immobili subiranno naturalmente un incremento di valore con il passare del tempo.

- Il meccanismo dell’affitto porta un incremento del 10% annuo, senza considerare tutti gli immobili che saranno consegnati prima del tempo di scadenza del contratto di locazione e reimmessi sul mercato ad un canone che consentirà un incremento in misura superiore al tasso iniziale, o venduti;

- Detti accorgimenti consentiranno di poter effettuare dividendi agli azionisti (secondo stime attendibili) del 2 % del capitale investito ed anche di più, senza considerare l’interesse sulle obbligazioni che si emetteranno. Siamo certi che nessun tipo di investimento può garantire simili tassi di interesse o possibilità di investimento così remunerativi.

- La società si riserva la possibilità di emettere obbligazioni che daranno un rendimento fisso annuale non inferiore al 2 % annuo. Il tasso di rendimento sarà stabilito dagli amministratori della società.

- La società potrebbe pur sempre acquisire sul mercato immobili dismessi dallo Stato o da altri Enti pubblici ad un valore di gran lunga inferiore a quello di mercato, ristrutturarli e porli in vendita in modo frazionato o parcellizzato. O potrebbe pur sempre acquisire qualsiasi altro immobile di pregio o storico o comunque appetibile che risponda alle caratteristiche di cui allo statuto e cioè ad un valore minimo inferiore del 50% del prezzo di mercato.

- Per statuto la società non potrà concedere mutui o prestiti  di nessuna natura.


Come è facile intuire, pertanto, da qualsiasi punto di vista lo si osservi, si tratta di un investimento assi proficuo ed assolutamente tranquillo per qualsiasi azionista, o obbligazionista, sia piccolo risparmiatore che grande investitore.


NON AVERE REMORE O TIMORI DI SORTA


CONTATTACI ...


UNO STAFF DI AVVOCATI E CONSULENTI  SARA’ A TUA DISPOSIZIONE GRATUITAMENTE

PER AFRONTARE OGNI ASPETTO DELLA VICENDA E FORNIRTI LA SOLUZIONE OTTIMALE


PARLANE CON NOI E TI AIUTEREMO  A RISOLVERE  I TUOI PROBLEMI


NON ASPETTARE CHE SIA TROPPO TARDI

E NON AVERE IMBARAZZO O DISAGIO

UN MOMENTANEO STATO DI SOFFERENZA O DI BISOGNO

CAPITA A TUTTI NELLA VITA


CONTATTI


Campo obbligatorio richiesto Incorrect email
Campo obbligatorio richiesto Incorrect email
Campo obbligatorio richiesto Incorrect email
Campo obbligatorio richiesto
Your message was sent successfully
Spiacenti, il messaggio non è stato inviato